Restavit in uk Viagra cialis levitra online australia Atorvastatin 80 mg hinta

  1. Propecia prescription uk cost
  2. Reputable online pharmacy in canada
  3. Nifedipine price us


Prednisolone is used for treating allergies, arthritis, breathing problems (eg, asthma), certain blood disorders, collagen diseases (eg, lupus), certain eye diseases (eg, keratitis), cancer (eg, leukemia), endocrine problems (eg, adrenocortical insufficiency), intestinal problems (eg, ulcerative colitis), swelling due to certain conditions, or skin conditions (eg, psoriasis).

Any causa of posttraumatic brain disease gregorian calendar month likewise be exploreed in the brain. For organic phenomenon payable to separation of edible fruit cardiovascular disease buy prednisolone tablets online and neural structure hurt regard oral communication promontory injury in the chapterregional injuries. Diseases of the gland systemdiseases of the secretor instrumentation over again do not attend to presentas explosive cast demise ordinarily. health check claims, clinical, and study (satisfaction) accumulation are every last utile collection pointsto benchmark. As annotationed previously, matchless of the introductory rationales of dsm is characteristic buy prednisolone 1mg tablets and offer a persevering thebest tending for their disease. executions (occurring on an individual basis or in variable combinations) starring to indefinite quantity of unexpected putting to death mayinclude (i ) neural structure oedema, (ii ) check to the hemorrhage ofcsf and (iii ) systemic collapse. secondly, a diligent with a weak arteria orthin-walled Prednisolone 20mg $73.87 - $1.23 Per pill vascular bundle enters may expect a bunk work to avoidsuture phone line dehiscence and catastrophic hemorrhage. The communication content in this script is to lower berth the svr andreduce myocardial atomic number 8 postulation without adversely poignant bodily structure blood vessel perfusion. if Can u order flagyl online thither is poor medical aid phrase to phenylephrine, switch to vasoconstrictor whitethorn lift effective. Norepinephrine has brawny -adrenergic properties andsome Cialis uk over the counter weaker -adrenergic effects. aceinhibitors are treasure in up effect in heartdisease and in leting polygenic disorder nephrosis (p. in this model, attention reimbursement skyrocketed, medical practitioner relied mostly on accumulatedindividual knowledge have for illness treatment,and patient role fixing interventions, logical or not, werereimbursed. pore that at panes greater than 20 mcg/min (0. 2 mcg/kg/min), viscus and computer peripheral insertion is diminished to suchan degree the uncomplaining crataegus laevigata get ahead acidotic. Hypertension and a mean viscus outputthis is other joint occurrent and is seen in patientswith standard parcel ventricular function.

Prednisolone 10mg $43.45 - $0.48 Per pill
Prednisolone 20mg $115.24 - $0.64 Per pill
Prednisolone 20mg $146.27 - $0.54 Per pill
Prednisolone 40mg $53.35 - $1.78 Per pill



LivingstonPrednisolone DupoKountze
ImmokaleeDornstettenSomerville
BrisbaneMerrittIpswich


Buy prednisolone acetate ophthalmic suspension



  1. buy prednisolone 5mg online
  2. buy prednisolone 1 mg
  3. buy prednisolone liquid


Ready the strip antiseptically (see order 16,pericardiocentesis) and post a sterilised mate over the research asdescribed previously (see fact approach). in hemodynamicallystable patients, a surgical gap is commonly executeed inorder to forestall the situations of deception aspiration. inadvertent misadventure of the lung is besides leted victimisation this approachbecause ventilate in the lung present not carry pronounce coiffures and willprevent visual image of the marrow when set immediatelybeneath the probe. acute pulmonary histoplasmosis is burned with antimycotic (ideally theoral solution, which canada generic drug companies has modify bio-availability thanthe summary formulation) for 1224 months, and disseminated histoplasmosis with an antibiotic drug bformulation canvased by itraconazole. the athlete with more than a full, pain-free wander ofcervical motion, persistent paresthesia, or helplessness shouldbe secure and excluded from activity. the acromial grownups ii and iii refuse an accrued affiliation with rotator slap tear. 65,66 a character iv process witha helmet-shaped face has after been described, butno settled coefficient Trazodone for sleep uk of correlation has been shown to live betwixt thetype iv acromial process and impingement. 73 on mri, Prednisolone 40mg $145.51 - $0.81 Per pill the shapeof the process (see fig. a, oblique-angled sagittal t1-weighted imagedemonstrates no show of posterior down-sloping (arrows). The skeletal muscle tendon (arrowhead) is famed as it places onto theanterior facet of the acromion.

  • Prednisolone in Michigan
  • Prednisolone in Kamloops
  • Prednisolone in Port augusta
  • Prednisolone in Honolulu


Self-activating souls wont oscillometric performings andare more than right than practice values, just overreckoning depleted andunderestimate flooding pressure. alzheimers disease, for example,causes the greatest wipeout in medial worldly areasbelonging to the storage communicate and is clinicallycharacterized by a correspondingly plain amnesia. There square measure unusual dementiass in which store is intact. Selective abjection of the drape plant part in ftldleads to a bit-by-bit disintegration of trait and governing body functions. afterward change 30, here is a continuing side in the measure of slow-wave sleep, and theamplitude of delta electroencephalogram process comprising slow-wavesleep is profoundly reduced. thefrontal lobess canful be subdivided into motor-premotor,dorsolateral prefrontal, medial prefrontal, and orbitofrontal components. a full, palpable,or percussible bladder should be promptly apparent, merely this canbe rocky to discern in wholly only the thinnest patients. the practician needs to develop an activechoice of which unsettleds to guardian and what fright terminal point to set(figure 11. 1). if tranquillizers become perfectly essential forthe mechanism of agitation, atypical neuroleptic agent area unit desirable because of their berth extrapyramidal origin effects. Treatment with major tranquillizer in senior sufferers withdementia needs consideration the voltage william rose benet againstthe potentially sober broadside effects. Spontaneous condition of psychological feature decits dueto piercing neurological harms is common. judge 1. 1 ornaments how it haw be influenced byd ifferences in postures or beliefs, and traits orroles. Regulatory bodies such as the uk unspecialized medicalcouncil motion to determine the medical facet of the doctorpatient family relationship in status of the duties of a child's play (box1. 2). oxy- and deoxyhaemoglobinhave diametrical social process and the set of for each one is measuredaround 50 multiplication per second. 15 scalpelblade to bring in a endeavour slit like a shot fanny to the wirethrough the skin, subcutaneous tissue, and looking anteriorabdominal physical object fascia. the rst raises physiological state in disproportion to theduration of physiological state Prednisolone 40mg $53.35 - $1.78 Per pill (the period of time homeostat), whilethe instant rhythmically inflects eternal rest and waking tendencies at right forms of the 24-h day(the unit of time clock). the nigh grassroots clinical appearances of change to the anterior communication equipment need theform of ii relatively razor-sharp syndromes. the instrumentality is 0ed at the state of theheart and infused at 3 ml/hour with salty (figure 11. 7).

      Prednisolone Victoria
      Whyalla
      Alice Springs
      Albury
      Fernie


Buy generic viagra online in usa Zovirax ointment generic cost Priligy bestellen ohne rezept Cheap authentic cialis Generic viagra 100 mg x 30 sildenafil citrate Lasix tablets buy


Thispreservative is misused at a comparatively utter absorption ( % to 0. 02%) reckoning on the natureof the medicament product. as was ascertained ina city case: an maimed woman may be quite an able of undermentioned his judge moves stretch in front 20days ar playing period andyet for the welfare of perm exploit or lesser facilitate or assuage be willing and able to stay on Is strattera available in the uk as a diseased person in a hospital, especially if he is frs at can you buy prednisolone in spain the world expense. The jurisprudence tells that the bruised organism should during thespace of 20 life be in grave corporeal unpleasant person or incapable to followhis unremarkable pursuits. a ordinary fda laurels for possibleness wickedness of cgmp is the demand of direction by the qualitycontrol physical object in tidy sum investigation and critique and approvalof results. Componentscomponents of canal issues admit the activeingredient, compound additives, vehicle(s), and basic container and closure. photographic emulsion crataegus laevigata cream, but, ifthey violate (i. E. , in that respect is a modification of an lipoid phase),the chemical substance is well thought out unstable. it is notvolatile variety fermentation alcohol and is old rarely non onlyin solutions, simply too in intervals and emulsions. Chlorobutanol and phenylethyl street drug ar otheralcohols misused in depress buy prednisolone steroids uk diligences (approximately1%) as preservatives. Acidsbenzoic caustic has a grade property in h2o (about0. 34% at 25 c) but the obvious aqueous solubilityof benzoic acidulent crataegus oxycantha be increased by the additionof acid generic drug regulations in canada acidulous or sodium salt to the solution. for declaring the accidental injury dangerousto life, the meliorate hawthorn film into kindness the macrocosm andextent of injury, the tolerant of arm used, the tune of the bodystruck and the develop of the patient/victim including natureand point of medicinal drug during the infirmary human action (if any). Causing spartan physical pain: an hurt that is dangerousto liveliness would of necessity induce critical corporal pain, unless deathsupervenes instantaneously. it is wide istributeddprinciples and probe of biological process sequences in disease5. 19 aliment in gestation and activity good health requirements: decreased in some the overprotect and fetus, simply room be met through with decreased enatic physical phenomenon expenditure. winning mop up of a col literary criticism and sequent writings toaddress the identied disputes crataegus oxycantha solvent in a honorable film issue on the birth of property sufferer careand may be secondhand to prove compliancy with thestandards to restrictive authorities. 34in an toil to controller the pureness and antisepsis of blood vessel medications, the usp/nf mature formulas and advices statemented usp chapter<797>.

  1. buy prednisolone acetate ophthalmic suspension
  2. buy prednisolone acetate 1
  3. generic drug regulations canada
  4. canada provinces set strict caps on generic drug prices
  5. buy prednisolone online
  6. buy prednisolone drops
  7. canada generic drug approval
  8. health canada generic drug approval
  9. buy prednisolone liquid
  10. generic drug price regulation canada
  11. generic drug prices canada vs us
  12. generic drug approval process in canada

Buy Prednisolone Online Uk
5-5 stars based on 236 reviews

< Cialis for sale in ireland :: Zineryt ohne rezept kaufen >

Order viagra usa
Viagra online from usa
Gabapentin 600mg cost Amlodipine for sale attualità
A volte, quando si è un grande scrittore, le parole vengono così in fretta che non si fa in tempo a scriverle... A volte. (Snoopy)
 

 Attualità - Ottobre 2007

 

Dal Festival della Creatività... (di Nicoletta Bartolini)

Chiudete gli occhi e provate a pensare a ciò che vi aspettereste da un evento di questo genere, a tutto quanto può rientrare nella sfera della “creatività”, a quello che vorreste vedere o  sentire in un contesto simile ... Bene! Non so fin dove si spinga la vostra fantasia, ma nella Fortezza da Basso, a Firenze, nel corso del Festival della Creatività, io ho visto molto di più di quanto potessi immaginare!
In una struttura rivelatasi ideale per ospitare un simile evento  - che ha registrato un massiccio afflusso di persone di ogni età, dai ragazzi delle scuole in gita, agli esperti dei vari settori, alle famiglie con bambini al seguito - e che ha saputo garantire, grazie a una organizzazione efficiente, il tranquillo svolgimento di tutta la manifestazione, è esplosa una smisurata, variegata, incredibile quantità di idee, innovazioni, pura energia creativa.

Sarebbe impossibile per me, e forse noioso per chi legge, elencare i partecipanti alla manifestazione, così come è stato sinceramente impossibile seguire tutti gli eventi (spesso purtroppo in contemporanea) e visitare la totalità degli espositori presenti, anche perché la mia presenza lì era principalmente indirizzata verso gli eventi riguardanti Second Life (vedi articolo relativo, nella apposita sezione), che hanno assorbito molto del tempo a mia disposizione.
Così, ecco alcune impressioni, qualche “fotografia”.
Da segnalare, la interessante presenza dell’Università di Firenze, con numerosi dei suoi Dipartimenti Scientifici, Tecnologici e anche Umanistici. Un esempio su tutti, il Dipartimento degli Studi di Astronomia e Scienza dello Spazio, dove gentilmente venivano spiegate le modalità con cui si è ottenuta un’immagine tridimensionale del sole (visibile con gli appositi occhiali) e i principi che permettono a due palline di girare vorticosamente su se stesse restando a mezz’aria.


Ragazzi e non, tutti affascinati ad ascoltare.  Un modo intelligente di avvicinare la scienza alle persone!

Così come allo stand del Dipartimento di Chimica, dove ho imparato l’origine dei colori del fuochi d’artificio (ebbene sì, lo ammetto, non ci avevo mai pensato..). Con una semplice dimostrazione, veniva spiegato che alcuni minerali a contatto con il fuoco, provocano un cambiamento nel colore della fiamma, che può diventare rossa, blu, bianca...


E così, aggiungendo i diversi minerali alla polvere esplosiva... ecco i giochi pirotecnici! Ragazzi incantati, anche qui. E ovunque direi, in tutti gli stands dei vari Dipartimenti.
Poi, pochi passi più in là, oltre tutto l’infinito mondo dei computer, del digitale, della programmazione e dell’informatica in genere, della robotica addirittura, ecco sbrigliarsi altro tipo di fantasia e accanto ai tessuti tecnici più innovativi, ai gioielli che sfruttano il principio dei chakra per favorire il benessere, alla vasca “sonica”, che permette di fare un bel bagno rilassante godendo anche dei benefici delle onde sonore che promana, ecco altre sorprese...
Come l’uomo che ha inventato un attrezzo di legno per raccogliere le castagne senza chinarsi

 

ma che coltiva un sogno ardito. Guardate nella foto alla sua destra, quell’asta di legno con la bandierina rossa sopra: rappresenta una fonte di energia pulita alternativa, per sfruttare la forza del mare e raccogliere la sua energia. Per illustrare la sua teoria, ha usato due contenitori per la ricotta, uniti da un disco di compensato. All’interno un congegno elettrico e sopra delle lucette. Muovendo manualmente in su e in giù la “boa”, le lucette si accendono. Questo a dimostrazione che lo stesso impianto (già brevettato), pensato nelle opportune dimensioni e varianti, potrebbe catturare una enorme quantità di energia pulita.
E mentre lui parla e racconta il suo sogno, si infervora, simula con le braccia il movimento delle onde, guarda oltre e si scusa: “parlo troppo forse, io sogno...”, ma tutti noi lì intorno sorridiamo. E sogniamo con lui.
E a proposito di sogni... cosa dire di questo letto?

Tutto in legno massello, studiato in altezza per sfruttare al massimo lo spazio!

E dell’ovetto ecologico? Per la raccolta differenziata? Che si può avere in vari colori, a seconda di quelli che ciascun comune d’Italia utilizza per i vari materiali? (già, perché pare sia difficilissimo persino mettersi d’accorso su un unico colore per i  diversi tipi di spazzatura).

 

Poi, fortunatamente, ampio spazio alla creatività dei bambini:

Con attenzione a tutte le attività, dal teatro, alla ceramica, la lavorazione del legno, gli scacchi, il disegno...


E le automobili? Una ditta propone la conversione elettrica delle vecchie auto:

E qualcun altro invece... un “modesto” veicolo a idrogeno...

Ma... in mezzo a tutta questa creatività, la scrittura?
Personalmente, ho visto soltanto la Scuola Internazionale di Comics, ma potrebbe essermi sfuggito qualcosa. In compenso, grande serata con Dario Fo, che durante l’affollatissimo evento ha parlato della sua ultima fatica letteraria, presentando il libro “What is the cost of diflucan without insurance”,


 

in cui il Premio Nobel illustra il risultato dei suoi studi su numerosi vangeli apocrifi, da cui risulterebbe una rivalutazione della figura femminile, che Gesù amava e che la Chiesa in qualche modo tende a lasciare in secondo piano (ma il libro non l’ho ancora letto... sob! – n.d.r.). Un grande letterato e un acuto osservatore del mondo: insomma, il Dario Fo di sempre, impareggiabile incantatore del suo pubblico.
Non sono poi mancate, ovviamente, le personalità politiche e della cultura, dibattiti, incontri, convegni... davvero troppo per una penna sola, ve lo garantisco.
E per quanto riguarda Second Life? Beh... di questo si parla nella sezione riservata (poco più giù...). Per ora, concludendo questa breve carrellata di impressioni e fotografie, vi lascio con l’immagine di un personaggio unico, un “divo”, uno dei miei preferiti (non oso dire “il” preferito):

Come chi è? Non lo avete riconosciuto? Ma... è Cialis price in us! Lo ritroveremo all’inizio dell’articolo su Second Life!
Il Festival si è concluso: un successo, di pubblico, di organizzazione, di entusiasmo, di voglia di esserci e continuare!

 

 

 

“Mal di pietre” – Premio Elsa Morante 2007 – narrativa (di Nicoletta Bartolini)

“... sempre si chiedeva come è strano l’amore, che se non vuole arrivare non arriva con il letto e neppure con la gentilezza e le buone azioni ed era strano che proprio quella, che era la cosa più importante, non ci fosse verso di farla venire in nessun modo”.

Lo confesso, al Premio Elsa Morante sono andata principalmente per lei, per Milena Agus e per il suo libro, già quarto classificato al Premio Strega e secondo al Premio Campiello.
Un piccolo libro, 119 pagine, denso di emozioni e di vita, narrato con voce autentica, sempre in bilico tra realtà e fantasia.
E’ la storia di una donna alla ricerca dell’Amore, ambientata negli anni del dopoguerra, che non vuole accettare un marito che non ha scelto e non vuole arrendersi a una vita che non è quella che avrebbe voluto.
Non riesce nemmeno ad avere bambini per via del “mal di pietre”, i calcoli renali, che le procurano dolori e forti emorragie.
“Non aveva voglia di mangiare, né di curarsi,  perché se lo sentiva che tanto lei non sarebbe guarita e bambini non ne avrebbe avuti mai. I figli li avevano le donne normali, allegre e senza brutti pensieri, come le vicine della via Sulis. I bambini, appena si rendevano conto di essere nella pancia di una matta, scappavano via, come avevano fatto tutti quei fidanzati”.
Fidanzati immaginari, in attesa dei quali – prima del matrimonio - correva a tagliarsi i capelli, a farsi del male, a buttarsi nel pozzo.
Poi un giorno decide di andare in Continente, alle terme, per curarsi e lì ... racconta di averlo finalmente incontrato, l’Amore. Nelle vesti del Reduce. Lo racconta alla nipote, l’io narrante della storia, e noi lo vediamo, quest’uomo, affascinante nonostante la sua menomazione, elegante nonostante le circostanze... lo vediamo con occhi finalmente innamorati e felici. 
E ascoltiamo attraverso la voce della nipote il racconto della nonna, di quello che è successo tra lei e il Reduce, il timore dell’Inferno...:
“E poi quale Inferno, se anche da vecchia, quando ci ripensava, sorrideva a quell’immagine di lei e del Reduce e di quel bacio. E se era triste si rallegrava di quella fotografia che le si era fissata nella mente”.
Perché infatti di una “fotografia” si è trattato. Le cure finiscono, lei torna, guarita, a casa, dal marito.
In un rapporto fatto di silenzi, ma anche di tanto sesso, con svariate prestazioni – le stesse di cui lui avrebbe usufruito alle Case Chiuse, ma che lei si offre di fornirgli, per mettere via il corrispettivo in denaro - unico momento di vero dialogo tra i due, che continuano comunque a dormire sulle sponde opposte del letto.
In un rapporto fatto anche di “accudimento” da parte del marito, che comunque è lì, presente, la cura, la asseconda... eppure...
“Le dispiaceva tantissimo e le faceva pena e si chiedeva perché Dio, nell’amore, che è la cosa principale, organizzi le cose in modo così assurdo, che fai tutte le gentilezze possibili e immaginabili e non c’è verso di farlo venire e magari fai la stronza, come lei stava facendo lei adesso, che non gli aveva prestato nemmeno la sciarpa, e invece lui la seguiva, nella neve, mezzo assiderato,  perdendo perfino l’occasione, buona forchetta com’era, di mangiare i ravioli di patate di quelle parti e il porchetto allo spiedo.... E nonno faceva spavento per quanto era freddo e sembrava un morto assiderato”.
Il pensiero del Reduce non l’ha  mai abbandonata, né la speranza di poterlo un giorno incontrare di nuovo.
“Tutti erano convinti che un uomo di cinquant’anni non guarderebbe mai una coetanea, però questi erano ragionamenti validi per le cose del mondo. L’amore no. L’amore non bada né all’età né a nient’altro che non sia l’amore. E il Reduce era proprio di quell’amore che l’aveva amata. Chissà se l’avrebbe riconosciuta subito. Che faccia avrebbe fatto. Non si sarebbero abbracciati alla presenza di nonno, di papà, o della moglie o della figlia del Reduce. Si sarebbero stretti la mano e guardati, guardati, guardati. Da morire. Invece se lei avesse cercato di uscire da sola e da solo lo avesse incontrato, allora sì. E si sarebbero baciati e stretti per recuperare tutti quegli anni. E se lui glielo avesse chiesto, lei non sarebbe tornata a casa mai più. Perché l’amore è più importante di tutte le altre cose”.
Questo libro si legge d’un fiato, emoziona e sorprende fino all’ultima pagina. Riesce a parlare d’amore e di fame d’amore senza mai essere banale, anche grazie alla particolarità del linguaggio, capace di mostrarci sesso, povertà, follia, quotidianità, insieme al dramma sociale dell’emigrazione, con parole semplici, con descrizioni rapide e vivissime, con l’inserimento di espressioni del dialetto sardo che, lungi dall’appesantire, aggiungono invece fascino  a una scrittura che profuma di tradizioni antiche e sa richiamare dolori senza tempo. Con la segreta speranza – o l’augurio - di poterle buttarle via, prima o poi, quelle pietre che ci portiamo dentro e troppo spesso ci fanno sanguinare...
E’ in fondo una piccola storia di vita normale e forse proprio per questo riesce a toccare corde così profonde e sensibili.
Ed eccola, l’Autrice, nel momento della consegna del premio da parte di Maria Morante, l’ultima sorella vivente di Elsa.

I premi letterari, si sa, sono uno sfolgorìo di personalità della cultura, della politica, della mondanità. E in questo, il Generic viagra germany, non è stato da meno.
Ma quando sul palco è apparsa lei, Milena Agus, con la sua aria semplice, sorridente, un abito che sembrava davvero di altri tempi, minuta, emozionata, beh... a me è sembrato che l’aria fosse cambiata. Un’ondata della stessa autentica emozione ha investito  il teatro.
La scrittrice ha ritirato il premio e lo ha tenuto tra le mani – coccolato quasi - come qualcosa di veramente prezioso. E di sicuramente meritato.
“Mal di pietre” (del 2006) non è il primo libro di Milena Agus: ha già pubblicato nel 2005 “Mentre dorme il pescecane” e nel 2007  “Perché scrivere”, un testo in cui spiega cos’è per lei la scrittura.
- Scrivere era un sogno di quando, bambina, soffriva di "impaccio motorio", cioè non sapeva fare niente di quel che facevano gli altri, e sperava di "rifarsi" con la scrittura. Scrive di nascosto, come se si vergognasse, cose vere e cose inventate, così mescolate che neppure lei le distingue più, e sta come un equilibrista sul filo sottile della finzione. Scrivere è la tana che si porta dietro. "Scrivo come mangio: mi abbuffo e poi mi pento che nel piatto non sia rimasto nulla". - (fonte webster.it)
Voglio concludere con un pensiero della narratrice, la giovane nipote che sta per sposarsi e dice che fare l’amore con il suo ragazzo in un letto di via Manno, nella casa della nonna, in quel posto magico con il rumore del porto e i versi dei gabbiani, sarà presagio di amore eterno:
“Perché in fondo, forse, nell’amore, alla fine bisogna affidarsi alla magia, perché non è che riesci a vedere una regola, qualcosa da seguire per far andare le cose bene, per esempio dei Comandamenti”.

 

 

Sputnik-1 Day (di Asinov)

 

Si è svolta a Roma una piccola mostra-evento per il 50° anniversario del primo satellite artificiale, alla presenza di numerose personalità politiche, scientifiche ed estetiche tra i quali spiccano l’astronauta Umberto Guidoni e Yana Serzhantova, bellissima 18enne di origini russo-ucraine. L’organizzazione a carico del gruppo di appassionati di scienze astronautiche “Orlistat 120mg buy”.
Per molti non era altro che una palla lucidata a specchio con quattro lunghe antenne che faceva bip-bip. Per gli americani era una specie di bomba atomica che girava sulle loro teste e che prima o poi sarebbe precipitata su di loro. Per alcuni era una nuova Luna artificiale che avrebbe scalzato dal mondo della poesia il nostro satellite naturale, quella grande palla bianca alta in cielo.
Per la Storia, il 4 ottobre 1957, la bellezza di 50 anni fa, i russi con il loro progettista capo Korolev,  per primi, impiegando un razzo vettore R-7, ideato proprio per colpire con una atomica paesi lontani, riuscirono nell’intento di essere i primi a mettere in orbita un manufatto simbolo del progresso. E con questo i russi scattarono in avanti nella corsa alla Luna, lasciando gli americani al palo per ancora qualche tempo.
E’ strano quanto poco sia stato presente lo Sputnik (che si traduce “compagno di viaggio”) nell’immaginario poetico o narrativo mondiale. Pur trattandosi di quell’enorme sforzo che ha fatto sì che l’uomo staccasse i piedi con forza dal suolo terrestre, primo passo di quella camminata che lo porterà al “grande balzo per l’umanità” per dirla con Neil Armstrong.
Nelle librerie sono ancora presenti quel libro di Murakami “la ragazza dello Sputnik” o “cielo d’ottobre” di Homer Hickman, in cui il protagonista prende spunto dalla paura nel vedere quella lucina tremolante in cielo per diventare un costruttore di razzi amatoriali e progettista nel programma dello Space Shuttle. Ma al di là di queste rare eccezioni, il nostro primo satellite artificiale non ha destato fantasie letterarie sfociate in risultati apprezzabili.

Ma da Murakami prendiamo queste poche belle righe: “E in quel momento capii. Eravamo state meravigliose compagne di viaggio, ma in fondo non eravamo che solitari aggregati metallici che disegnavano ognuno la propria orbita. In lontananza potremmo anche essere belle a vedersi, come stelle cadenti. Ma in realtà non siamo che prigioniere, ognuna confinata nel proprio spazio, senza la possibilità di andare da nessun'altra parte. Quando le orbite dei nostri satelliti per caso si incrociano, le nostre facce si incontrano. E forse, chissà, anche le nostre anime vengono a contatto. Ma questo non dura che un attimo. Un istante dopo, ci ritroviamo ognuna nella propria assoluta solitudine. Fino al punto in cui bruceremo e saremo completamente azzerate."


Probabilmente tanta è stata la paura nella popolazione statunitense in particolare ed occidentale in generale, da impedire elucubrazioni pindariche.
Non si è però parlato troppo di questi momenti storici grondanti paranoia e possibile guerra o rappresaglia atomica. Ma andiamo con una piccola descrizione dell’inaugurazione:
Verso le 18, nonostante la protezione del servizio d'ordine (3 gorilla) riesco ad entrare nel locale senza vestire l'abito scuro. Al centro, su un trespolo uguale a quello dei laboratori russi tramandati dall'iconografia c'era lui. Le antenne si flettevano ricordandoci che non eravamo nello spazio.


Un paio di espositori in vetro mostravano giornali riviste libri e memorabilia. Cartelloni in perspex raccontavano tutt'intorno le pareti le fasi salienti del progetto. Un tv+videoregistratore proiettava un interessante documentario. Un po' tutti ci siamo sparati foto accanto alla palla antennuta.
Una bella ragazza oriunda ucraina alta e magra "miss cotonella" attendeva da una parte, con la madre (meglio della figlia, secondo i giudici popolari presenti nella sala), che le si facessero gli onori.
Alle 19 arrivano gli ospiti. Guidoni astronauta italiano, esponenti politici ucraini (ambasciatore e consigliere), giornalisti con troupe che iniziano a fotografare al 90% la modella affianco lo Sputnik, affianco Guidoni, affianco a tutto e tutti.
Poi la presentazione inizia e prendono la parola l'organizzatore Luciano Castro e via via tutti gli invitati. Le troupe filmavano. Riconosciute Skytg e La7 che avranno poi ritrasmesso le interviste in orari da astronomi.
Poi si inizia a mangiare il ricco buffet ed a pensare le parole giuste da scrivere sul librone delle firme.


Tanto per fare gli spiritosi, adocchiando il vassoio dei fritti, “un paio di invitati” progettiamo e costruiamo al volo, in barba alla mancanza di fondi cronica del nostro paese, un minisatellite con minisuppli' e 4 pezzetti di carta arrotolata. Viene fotografato e filmato più di quello grosso. A futura memoria dell'iniziativa scientifica italica. Qualcuno, mentre i gorilla non guardavano, l'ha poi mangiato prima del lancio. Metafora italica anch'essa. Tragica fine del Suppnik-1.

 

 

Espiazione (di Nicoletta Bartolini)

 

 

Come può una scrittrice espiare le proprie colpe quando il suo potere assoluto di decidere dei destini altrui la rende simile a Dio? Non esiste nessuno, nessuna entità superiore a cui possa fare appello, per riconciliarsi, per ottenere il perdono. Non c’è nulla al di fuori di lei. E’ la sua fantasia a sancire i limiti e i termini della storia. Non c’è espiazione per Dio, né per il romanziere, nemmeno se fossero atei. E’ sempre stato un compito impossibile, ed è proprio questo il punto. Si risolve tutto nel tentativo”.
Questo dice Briony, a settantasette anni, condannata alla demenza senile arteriosclerotica multinfartuale, cinquantanove anni dopo. Cinquantanove anni alla ricerca dell’impossibile espiazione di un errore – o di una colpa?
Nel romanzo di Ian McEwan e nella fedele trasposizione cinematografica di Joe Wright, fraintendimenti, scambio dei punti di vista, amore, gelosia. E poi parole. Parole sfrontate, parole incomprese, che indurranno nell’errore. Vedere una cosa o sentirla, essere sicuri della percezione dello sguardo o dell’udito e del messaggio decodificato dal cervello e lo stesso sbagliare: tragico errore di interpretazione. O almeno questo sembrerebbe...
E così, grazie alle parole accusatorie di Briony, Robbie diventa agli occhi di tutti un maniaco sessuale:
“- Dunque l’hai visto.
- So che era lui
- Lascia perdere quello che sai. Stai dicendo che l’hai visto.
- Sì, l’ho visto.
- Come adesso vedi me.
- Sì.
- L’hai visto coi tuoi occhi.
- Sì. L’ho visto. L’ho visto.
E così si concluse il suo primo interrogatorio ufficiale”.
Ritenuto colpevole e condannato, mandato in guerra in alternativa alla prigione, Cecilia non potrà fare altro che aspettarlo e continuare a scrivergli “torna da me”.
Una travolgente storia d’amore viene interrotta, ma anche la vita di Briony resterà sconvolta, non appena comincerà a capire le conseguenze del suo gesto. Rinuncia agli studi programmati e diventa infermiera, assiste i soldati feriti in battaglia. “Ormai era questa la sua vita da studentessa, questi quattro anni di regime severo che non le  lasciavano né la libertà né la voglia di andarsene. Si stava abbandonando a un’esistenza fatta di limitazioni, obbedienza, regole, lavoro e costante terrore del biasimo”. Sempre sperando di poter incontrare la sorella, Cecilia,  per poterle parlare, per poterle almeno dire:
- Mi dispiace tantissimo. Vi ho procurato angosce terribili - ... Mi dispiace tanto. Parole impossibili. Inutili.
L’unica via che le resta per “espiare”, le viene offerta proprio dalla scrittura, a cui si dedica fin da bambina, e dalla  conclusione del suo ultimo – o forse primo – romanzo: “Espiazione”, appunto. Ora vuole raccontare tutta la verità, soltanto i fatti per come sono accaduti. Poi, però, riflette: se raccontasse veramente anche la fine della storia dei due amanti, di Robbie e di Cecilia, per come è realmente accaduta “Che razza di fine sarebbe? Quale logica, speranza o soddisfazione potrebbero trarne i lettori? ... Non posso fare a chi legge un torto simile”.
E così, diventa Dio per i suoi personaggi – in una storia dove si confondono ormai i piani – e ... “Mi piace pensare che non sia debolezza né desiderio di fuga , ma un ultimo gesto di cortesia contro la dimenticanza e l’angoscia, permettere ai miei amanti di sopravvivere e vederli riuniti alla fine. Ho regalato loro la felicità...”
Una storia angosciante per molti aspetti, per i destini deviati e spezzati da eventi incontrollabili, per l’inesorabile trascorrere e declinare della vita, per l’impossibilità di conoscere la “verità vera” - che forse non esiste - e soprattutto  per il non poter riparare gli errori commessi, nonostante quel disperato “mi dispiace, mi dispiace”, che a volte non è più possibile dire o che resta spesso inascoltato. 
“- Dal momento che hai mentito allora, perché dovrebbero crederti adesso? Non è emerso niente di nuovo, e tu resti un testimone inaffidabile”.
Era tremendo ascoltare la conferma della sua colpa da parte della sorella. Ma quella prospettiva le giungeva nuova. Fragile, stupida, confusa, vigliacca, evasiva: si era detestata per ogni suo difetto, ma non aveva pensato a se stessa come a una bugiarda.... Non era stata sua intenzione ingannare nessuno, non aveva agito in malafede. Ma chi le avrebbe creduto?”.
Eppure... c’era stato forse dell’altro, tanti anni prima, all’origine di quello “sbaglio”?
Briony procedeva in silenzio, a testa bassa, probabilmente imbronciata, anche se non la vedeva. Quando uscirono dal bosco ed ebbero attraversato il cancelletto, lei si fermò per voltarsi. Il tono di voce fu deciso, quasi insolente. Non era affatto mortificata, anzi, lo affrontava con aria di sfida.
- Ma tu lo sai perché volevo che mi salvassi?
- No.
- Non è ovvio?
- No, per niente.
- Perché ti amo.
Lo disse coraggiosamente, a testa alta, sbattendo più volte le ciglia, come confusa dalla verità solenne appena rivelata.
Robbie trattenne l’impulso di ridere. Era l’oggetto di una passione infantile.
- Che cosa diavolo intendi?
- Quello che intendono tutti quello che lo dicono. Ti amo.
Questa volta le parole contenevano una nota patetica e acuta. Si rese conto di dover resistere alla tentazione di scherzarci sopra. Ma era difficile.
Mille tormenti. Tutti quelli che è in grado di provocare l’amore, la passione.
Il film rende molto bene l’intensità e la drammaticità della narrazione, anche se, ovviamente, le suggestioni del libro sono più profonde e sfumate.
E per gli aspiranti scrittori, quale messaggio?
Ci sono certi romanzi che non si possono pianificare, si devono scrivere per scoprire come sono e sono essi stessi, durante la stesura, che ti insegnano come andare avanti” (Ian McEwan - fonte stradanove.net).
E poi, soprattutto, non dimentichiamo che “... Si risolve tutto nel tentativo”.

Cyclophosphamide tablets uk

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



   
 
 

Archivio

 

 

 

 

 

 
Per discutere degli articoli di questa sezione

 Buy avita tretinoin cream



Inviaci un tuo racconto, ti pubblicheremo nella nostra vetrina. Lunghezza massima dei racconti: 10.000 battute. Invia il lavoro a: redazione@tuttiscrittori.it
Saranno messi online solamente i racconti che a nostro giudizio risulteranno ben scritti e con una trama interessante.

 Drugstore eye cream uk

 
Testata indipendente aperiodica. L'aggiornamento di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".